Quando è consigliabile fare un tatuaggio?

Quando è consigliabile fare un tatuaggio?

Quando decidiamo di fare un tatuaggio ci facciamo alcune domande: quale tatuaggio fare? Dove farlo? Da chi? Ma non ci chiediamo mai quando farlo!

Partiamo dicendo che il tatuaggio è una vera e propria ferita e di conseguenza necessita di un periodo di guarigione che, indipendentemente dalla grandezza è di media 3 settimane.

Quando è consigliabile fare un tatuaggio? Quando parliamo di tatuaggio non parliamo solo del classico disegno fatto sul corpo ma anche tutti quegli interventi di dermopigmentazione utili a migliorare l’aspetto fisico, quindi tricopigmentazione, microblading e trucco semipermanente.

Non esiste un periodo dove non si possono fare tatuaggi però ci sono delle accortezze da seguire che fanno da sole chiarezza su quale sia o meno il periodo più adatto.

Durante il periodo di guarigione non si possono fare bagni prolungati in vasca, ne in piscina e ne al mare perché il cloro tende a sbiadire il tatuaggio e il sale e la sabbia provocano infezioni.

Non si possono neanche fare saune, ne ci si può esporre ai raggi solari, tanto meno alle lampade abbronzanti, questo perché il colore perde luminosità e schiarisce.

E’ molto importante coprire con uno strato di crema apposita il tatuaggio per i primi 2-3 giorni e coprire con la protezione solare 50+ per almeno i primi 3 mesi rinnovandola ogni 2 ore circa.

Se fate uso di farmaci vasodilatatori posticipate il tatuaggio a fine cura in quanto ci sarà un aumento di sanguinamento e quindi ritardo nella guarigione. Lo stesso discorso vale per gli alcolici.

Quando fare il tatuaggio?

Quando è consigliabile fare un tatuaggio?

Alla base di ciò possiamo quindi affermare che i mesi più idonei sono senz’altro l’autunno e la primissima primavera, ok anche in inverno facendo attenzione agli strusciamenti dei maglioni e degli indumenti pesanti e sintetici. Ricordate che i tatuaggi necessitano di rimanere un po’ all’aria per asciugare prima. In estate i tatuaggi si possono fare facendo comunque tanti sacrifici.

Vedi anche:  Pro e contro sulla dermopigmentazione

 

Ci sono però alcuni tatuaggi che farli in estate è più comodo, come il tatuaggio al piede. Pensate voi di fare un tatuaggio al piede in inverno ed essere costretti a mettere calzini e scarpe chiuse per uscire. Non è una sensazione proprio simpatica. Ecco quindi che l’estate ci viene in aiuto con sandali e infradito.

Queste sono solo piccole accortezze che salvano la pelle. Seguendo questi consigli sarà la pelle stessa a ringraziarvi!

Chiudi il menu